Categoria: Diritto penale dell’ambiente

0

Rovistare tra i rifiuti configura una fattispecie di reato? Scopri quale

L’abbandono di rifiuti sulla strada pubblica, dopo aver rovistato tra i sacchi contenenti gli stessi all’interno dei cassonetti, configura la fattispecie di reato prevista dall’art. 639 del Codice Penale[1]. Questo è quanto stabilito dalla Cassazione...

0

L’incostituzionalità del decreto “Salva ILVA”

Il 28 Marzo 2018 la decisione della Corte Costituzionale n° 58 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 3 del decreto-legge 4 luglio 2015, n° 92 del “Decreto ILVA” (Misure urgenti in materia di rifiuti e di autorizzazione integrata ambientale, nonché per l’esercizio...

0

La particolare tenuità del fatto per reati in materia di rifiuti

L’illecito diviene abituale (con conseguente esclusione della punibilità per particolare “tenuità” del fatto) quando l’autore, anche successivamente al reato per il quale si procede, commette altri due reati oltre a quello in questione. Questa...

0

L’appaltatore è l’unico responsabile della corretta gestione dei rifiuti derivanti dall’esecuzione del contratto

In tutti i casi di esecuzione di lavori d’appalto, è oramai pacifico che la qualifica di produttore dei rifiuti derivanti dall’esecuzione stessa è riferibile unicamente all’appaltatore, sul quale ricadono i conseguenti obblighi connessi al...