venerdì, Luglio 12, 2024
Amministrazione e GiustiziaUncategorized

Danno da ritardo nella procedura di rilascio del permesso di costruire: il TAR Campania si pronuncia

A cura di Pasquale La Selva

Il TAR Campania – Salerno, Sezione II, con la sentenza n. 1223 del 17 luglio 2017, si è pronunciato sul riconoscimento del risarcimento del danno scaturente dal ritardo nella procedura di rilascio del permesso di costruire.

Una impresa edile agiva in giudizio contro il Comune di Padula per l’accertamento del diritto al risarcimento dei danni derivanti dal ritardo con cui il Comune di Padula ha definito la pratica inerente la richiesta delle autorizzazioni necessarie per l’ampliamento di un fabbricato a destinazione commerciale.

Nel 2008 i ricorrenti richiedevano il rilascio di permesso a costruire per l’incremento volumetrico di un locale commerciale, con successiva richiesta di Conferenza di Servizi per l’acquisizione dei pareri conformemente a quanto previsto dall’art. 5 del D.p.r. n. 447/1998.

Nel 2012 la Conferenza di Servizi si pronunciava con un verbale con cui si dichiarava che l’istanza era divenuta improcedibile a causa dell’entrata in vigore del D.p.r. 7 settembre 2010 n. 160, a termini del quale, a decorrere dal 30 settembre 2011, non era più possibile avvalersi del Suap per l’autorizzazione all’apertura delle medie e grandi strutture commerciali.

Si evince che il procedimento si era concluso oltre il termine di legge, dunque i ricorrenti chiedevano il risarcimento del danno da parte del Comune di Padula, deducendo che, se l’azione amministrativa fosse stata tempestiva, l’istanza sarebbe stata accolta. Il mancato ampliamento del locale commerciale infatti, avrebbe determinato un danno notevole non solo sul valore dell’immobile, ma anche sulle attività commerciali future. Aggiungasi inoltre, che il termine di decadenza di 120 giorni contenuto nell’art. 30 c.p.a. non è operante in quanto il Codice era entrato in vigore nel 2010, mentre il termine del procedimento amministrativo era già scaduto nel 2009 (non è possibile immaginare una ipotesi di retroattività).

Nella disamina delle prove introdotte nel processo, non si rilevavano fattispecie ostative all’emanazione del permesso a costruire, né tantomeno il Comune ne aveva eccepite di ulteriori, infatti, lo stesso giudice amministrativo sottolineava la reale mancanza di presupposti giustificativi della condotta dell’amministrazione comunale, per la mancata emanazione del provvedimento richiesto; il Comune di Padula infatti, continuava a ritenere l’autorizzazione ambientale non valida, malgrado fosse stata confermata la piena validità da parte del Responsabile dell’Area Tecnica.

Il Tribunale Amministrativo Regionale citava, inoltre, la consolidata giurisprudenza, secondo cui «quando un procedimento debba concludersi con un provvedimento favorevole per il destinatario, o se sussistano fondate ragioni per ritenere che l’interessato avrebbe potuto ottenerlo, il solo ritardo nell’emanazione del provvedimento finale può ritenersi elemento sufficiente per configurare un danno “ingiusto”, con conseguente obbligo di risarcimento (cfr. Cons. Stato, Sez. V, 29 dicembre 2014, n. 6407; Sez. V, 13 gennaio 2014, n. 63)».

Una volta acquisita la prova dell’elemento soggettivo della colpa in capo alla P.A., una volta dimostrata l’oggettiva inosservanza dei termini di conclusione del procedimento, una volta individuata la sussistenza degli elementi costitutivi dell’illecito, il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania ha condannato il Comune di Padula al risarcimento del danno, confermando la precedente (nonché dominante) giurisprudenza in materia

Pasquale La Selva

Pasquale La Selva nasce a Napoli il 22 Febbraio 1994. Ha conseguito la laurea magistrale in giurisprudenza presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” con tesi in Diritto Amministrativo dal titolo "Il socio pubblico e la golden share", a relazione del Prof. Fiorenzo Liguori, ed ha conseguito, presso il Dipartimento di Scienze Politiche dello stesso Ateneo la laurea magistrale in Scienze della Pubblica Amministrazione, con una tesi sulle "competenze e poteri di ordinanza tra Stato, Regioni ed Enti Locali nell'emergenza sanitaria" a relazione del Prof. Alfredo Contieri. Pasquale ha conseguito anche un Master di II livello in "Compliance e Prevenzione della Corruzione nei settori Pubblico e Privato" presso l'Università LUMSA di Roma, con una tesi sulla rotazione del personale quale misura anticorruttiva. Pasquale è direttore del Dipartimento di diritto amministrativo di Ius in itinere ed è praticante avvocato. Durante il periodo degli studi, Pasquale è stato anche un cestista ed un atleta agonista: detiene il titolo regionale campano sui 400 metri piani della categoria “Promesse” dell'anno 2016, è stato vice campione regionale 2017 della categoria "assoluti" sulla stessa distanza, ed ha partecipato ad un Campionato Italiano nel 2016. Contatti: pasquale.laselva@iusinitinere.it

Lascia un commento