domenica, Giugno 16, 2024
Uncategorized

Comune Unico di Corigliano-Rossano: ecco come cambierà la Calabria

In arrivo un nuovo Comune Unico per il Sud. L’istituto della fusione dei Comuni raggiunge, infatti, la punta dello stivale con il Comune Unico di Corigliano-Rossano in Calabria. Prosegue dunque l’opera di razionalizzazione degli enti locali, anche alla luce degli incentivi accordati con frequenza sempre maggiore dal nostro legislatore.

I dati. A sancire la fusione è stata la Legge Regionale del 2 febbraio 2018 n.2, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria n.13, parte prima, del 2 febbraio 2018[1]. Si tratta di una delle 19 fusioni di Comuni previste per il 2018 e rappresenta la seconda in Calabria, dopo quella di Casali del Manco nel 2017. Al Sud, dunque, è il terzo Comune istituito mediante fusione.

La popolazione. I Comuni di Corigliano Calabro e Rossano, entrambi situati in Provincia di Cosenza, contavano fino ad ora una popolazione rispettivamente di 40.428 e 36.672 abitanti. Il Comune derivante dalla fusione – prevista per il 31 marzo di quest’anno – raggiungerebbe invece i 77.100 abitanti, divenendo di colpo il terzo Comune per popolazione in Calabria e superando addirittura Cosenza (capoluogo dell’omonima Provincia). Corigliano Calabro e Rossano continueranno ad esistere, ma come semplici municipi.

Il referendum. Chiamati alle urne il 22 ottobre 2017, gli abitanti calabresi hanno risposto favorevolmente: a Corigliano Calabro il Sì ha vinto con il 61,36% dei voti, con un’affluenza alle urne del 32,89% degli aventi diritto, mentre a Rossano la percentuale del Sì si è attestata addirittura al 94,14%, con un’affluenza del 44,70%.

comune dati
I dati confermano la vittoria schiacciante del Sì in entrambi i Comuni

Scenari futuri. Dalla data della sua istituzione fino alle elezioni amministrative 2018 il nuovo Comune di Corigliano-Rossano sarà in amministrazione straordinaria.
Uno dei primi nodi da sciogliere sarà il Piano Strutturale Associato della Sibaritide (PSA), il principale strumento di pianificazione e governo del territorio ricadente nell’ambito dei cinque Comuni Associati, che avrebbe dovuto essere adottato il 31 dicembre scorso. Quest’ultimo è stato introdotto dalla Legge Urbanistica della Regione Calabria con l’obiettivo di “accrescere l’integrazione fra Enti locali limitrofi con problematiche territoriali affini e promuovere il ordinamento delle iniziative di pianificazione nelle conurbazioni in atto, con conseguente impegno integrato delle risorse finanziarie”[2].
Il presidente nazionale de Il Coraggio di Cambiare l’Italia, promotore e firmatario regionale sulla fusione dei due Comuni, Giuseppe Graziano, ha ribadito che «non c’è alcun rischio di commissariamento» e che non si lascerà che il commissario prefettizio adotti motu proprio il PSA E infatti – ribadisce Graziano – «si è atteso oltre dieci anni per giungere alla composizione di questo piano strategico per lo sviluppo urbanistico territoriale e non possiamo, ora, farci attanagliare dalla fretta (…) dal momento che il Piano non considera le dinamiche del nuovo Comune»[3].

Quella del Piano Strutturale Associato della Sibartide però non sarà l’unica questione in sospeso per il nuovo Comune. C’è infatti la grande voglia di riscatto da parte della gente di questo territorio, troppo spesso penalizzata da scelte politiche sbagliate ed atteggiamenti servili, oltre che da logiche clientelari.
Inevitabile, dunque, una forte presa di coscienza da parte della popolazione per il grande passo che è stato fatto, che transiti attraverso un rinnovamento di mentalità, più che per una “rottamazione” ad immagine e somiglianza di quella propagandata a livello nazionale.

[1] http://burc.regione.calabria.it/

[2] Art. 20 bis, L.U.R. Calabria del 16.04.2002 n°19.

[3] www.ecodellojonio.it

Andrea Amiranda

Andrea Amiranda è un Avvocato d'impresa specializzato in Risk & Compliance, con esperienza maturata in società strategiche ai sensi della normativa Golden Power. Dal 2020 è Responsabile dell'area Compliance di Ius in itinere. Contatti: andrea.amiranda@iusinitinere.it

Lascia un commento