sabato, Giugno 15, 2024
Uncategorized

La riparazione pecuniaria ex art. 322 quater c.p.: tra visioni interne e proiezioni convenzionali

A cura di Dott. Giacomo Piersanti, laureato in giurisprudenza presso l’Università degli studi di Teramo, con tesi in diritto penale dal titolo “La confisca e il sequestro preventivo nei reati economici”; già tirocinante ex art. 73 d.l. 69/2013 presso il Tribunale di Teramo sez. penale.

Dopo una breve panoramica sulle novità introdotte dal legislatore nell’azione avverso la corruzione, il contributo si concentra nell’analisi della misura della riparazione pecuniaria prevista dall’art. 322 quater c.p. Si tratta di una misura dai tratti ambigui e dalla natura giuridica alquanto problematica vista l’incongruenza tra il nomen iuris utilizzato dal legislatore e gli effetti che in concreto esplica. Per questo motivo, si richiede un’analisi di carattere sostanziale coadiuvata dall’utilizzo di criteri elaborati dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Inoltre, si analizzano i rapporti con la confisca, in particolare la confisca per equivalente, alla luce del principio di ne bis in idem sanzionatorio.

After a brief overview of the innovations introduced by the legislator in the action against corruption, the contribution is concentrated in the analysis of the extent of the financial compensation provided for by art. 322 quater of the Italian Criminal Code This is a measure with ambiguous features and a rather problematic legal nature given the inconsistency between the nomen iuris used by the legislator and the effects that it actually carries out. For this reason, a substantial analysis is required, supported by the use of criteria developed by the European Court of Human Rights. Furthermore, the relationship with confiscation is analyzed, in particular equivalent confiscation, in the light of the principle of ne bis in idem sanctioning.

Scarica il contributo completo

* Il presente articolo scientifico è stato sottoposto a referaggio ai sensi dell’art. 3 del Regolamento della Rivista e pubblicato nel Numero 2/2020 della Rivista Semestrale di Diritto.

Lascia un commento