sabato, Maggio 25, 2024
Uncategorized

Può un minore acquistare un immobile?

L’acquisto di immobili da parte dei minori:
E’ il giudice tutelare che deve rilasciare l’autorizzazione…. Questo sempre?

I soggetti minori di età, essendo privi di capacità giuridica, non possono acquistare senza il rilascio di particolari autorizzazioni di natura cautelare, utili a far in modo che il minore possa avere la tutela che merita. I genitori, per tale ragione, devono sostituirsi allo stesso e compiere tutti gli atti giuridici in nome e per conto del soggetto ritenuto dalla legge incapace.
Verifichiamo come occorre procedere.
I genitori, eventualmente intenzionati ad acquistare un bene immobile per il proprio figlio minore, sono tenuti ad intraprendere personalmente o tramite il professionista incaricato un ricorso di volontaria giurisdizione, mediante il quale chiedono al giudice tutelare competente per territorio l’autorizzazione ad hoc.
Il ricorso non può essere presentato se non affiancato da una perizia estimativa concernente il valore dell’immobile, effettuata da un tecnico scelto dalla parte. La necessità di allegare la perizia alla documentazione è rilevante in quanto solo mediante essa il giudice potrà valutare se effettivamente quell’acquisto può giovare agli interessi del minore e non a chi ne fa le veci. Se l’esito della valutazione è positivo, i genitori potranno, in quanto autorizzati, procedere all’acquisto.
Il notaio nella stipula dell’atto di compravendita allegherà la copia conforme dell’atto autorizzativo, rilasciato dal giudice.

E le agevolazioni previste ex lege per l’acquisto della prima casa valgono per il minore?
Il minore intestatario dell’immobile acquistato potrà ottenere anche le agevolazioni previste per la prima casa, in quanto la legge indica che il richiedente per potersene agevolare deve essere titolare di alcuni requisiti:
– La residenza nel comune dove si trova l’immobile od eventualmente la trasferisca in detta sede entro 18 mesi dall’acquisto
– Non abbia altri immobili nello stesso comune
– Non abbia mai usufruito delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa.

Nel caso in cui occorra un mutuo, come si procede? Occorre un’ulteriore autorizzazione?
In realtà, per il mutuo non occorrerebbe un’autorizzazione aggiuntiva, anche perché gli obbligati al pagamento della somma concessa sono i genitori, firmatari del mutuo.
La banca potrà, talvolta, pretendere per ulteriori garanzie l’iscrizione di ipoteca sull’immobile acquistato, bisognerà, in tal caso, fare in modo che il giudice consenta l’iscrizione di ipoteca sul bene del minore.

Dott.ssa Angiola Giovanna Modano

Angiola Giovanna Modano nasce ad Avellino il 24 giugno del 1993 e in un piccolo paesino della stessa provincia risiede ancor oggi insieme alla sua famiglia, a cui è molto legata. Dopo aver frequentato il liceo classico "Aeclanum" conseguendo il diploma con una valutazione di 100/100, si iscrive alla facoltà di giurisprudenza dell'ateneo di Napoli "Federico II". Si è laureata il 6 luglio 2017, in soli 4 anni e una sessione con il massimo dei voti, discutendo una tesi in diritto amministrativo. Appassionata di più branche del diritto, di cui si ritiene esser totalmente affascinata, ha deciso di inseguire il suo sogno: il percorso notarile. Ancor prima di ultimare il suo iter di studi ha infatti iniziato il tirocinio notarile nel distretto di Avellino, affiancando già oggi, nonostante la mano inesperta, il proprio notaio nella stesura di atti.

Lascia un commento