lunedì, Giugno 17, 2024
Uncategorized

La fusione dei comuni: analisi normativa ed evidenze empiriche sul riordino degli enti locali

A cura di Dott. Andrea Amiranda, praticante avvocato, ha conseguito un Master di II livello in Compliance e Prevenzione della Corruzione presso l’Università LUMSA di Roma e Dott. Federico Gusmeroli, consulente in organizzazione e change management presso C.O. Gruppo srl e consulente tecnico giuridico presso il Coordinamento Nazionale Fusione dei Comuni.

L’accorpamento d’imperio dei comuni avvenuto durante il ventennio fascista ha fatto sì che, in seguito alla caduta del regime, il legislatore repubblicano emanasse la legge del 15 febbraio 1953, n. 71 al fine di permettere la ricostituzione dei comuni soppressi dopo il 28 ottobre 1922. Tuttavia, in pochi anni, si è registrato un fenomeno di tendenza opposta, con la pletorica istituzione di nuovi comuni che, nel 2009, hanno raggiunto le 8.094 unità. Tale dato, del tutto in controtendenza con quello europeo, ha progressivamente spinto il legislatore italiano a prevedere ed incentivare forme di razionalizzazione amministrativa, quali le unioni e le fusioni di comuni.
Il presente studio ha ad oggetto l’istituto della fusione dei comuni, delineandone il quadro normativo ed approfondendone alcuni casi pratici. L’analisi si attesta su due livelli, concentrandosi dapprima sull’evoluzione normativa statale che, a partire dal TUEL, ha progressivamente esteso i vantaggi economici accordati alle fusioni di comuni, e, successivamente, sulla legislazione delle Regioni più “virtuose” ed inclini a questo tipo di processi.
L’obiettivo che si prefigge il presente studio è quello di mettere in luce un argomento ancora poco discusso in dottrina, al fine di evidenziare i cambiamenti e le evoluzioni di questo strumento di riordino degli enti locali, indagandone le principali caratteristiche a livello regionale e l’esistenza di traiettorie convergenti di sviluppo.

Scarica il contributo completo

* Il presente articolo scientifico è stato sottoposto a referaggio ai sensi dell’art. 3 del Regolamento della Rivista e pubblicato nel Numero 1/2019 della Rivista Semestrale di Diritto .

 

Lascia un commento